“Io sto bene. Solo…non sono felice.”

… 15 SETTEMBRE 2014…Il primo giorno di scuola è per tutti il momento più emozionante dell’inizio della scuola sia per chi comincia per la prima volta in una nuova scuola con nuovi compagni, nuovi professori e nuove materie; ma anche per quelli come me che conoscono già compagni, professori e materie non è facile iniziare la scuola. Ogni anno è diverso c’è l’anno in cui inizi con gioia, quello con ansia, quello con la speranza che sia bellissimo, quello in cui non si vede l’ora che finisca e quello come è iniziato a me con tristezza e scocciatura infinita. L’anno scorso ero felice, raggiante non certo per l’amore infinito per la scuola ma per la voglia di vedere finalmente remo dopo un estate da dimenticare. Definirlo l’anno più bello sarebbe bello ma non posso, però posso definirlo il più ricco e entusiasmante anno di emozioni. Amavo alzarmi la mattina, truccarmi, vestirmi, studiare e tutto perché sapevo che c’era un attimo motivo il giorno dopo per andare a scuola. Sapevo che nelle sei ore in cui potevo essere interrogata, potevo stancarmi, potevo litigare, potevo sentire diecimila spiegazione, il suono della campanella avrebbe innescato dentro me un’adrenalina assurda. Adoravo quel suono.. Drinnn 8:20..Remo sarebbe entrato a scuola e io alla finestra o vicino al termosifone a guardarlo… Drinnn.. Qualsiasi ora dove potevamo uscire dalla classe, andare in laboratorio e logicamente fare il giro più lungo solo per passare davanti la sua classe al secondo piano, contare i minuti e i secondi, sperare che si aprisse la porta e che uscisse Remo, sperare di incontrare il suo sguardo. Quest’anno invece non ha senso niente più, non ha senso fare il giro, non ha senso uscire ogni tre secondi, non ha senso rimanere fino alle 8:20 fuori, non ha senso andare sempre a scuola e andarci tutta sistemata e con il sorriso. A Remo non piacevo però piaceva a me e per quanto io ho sofferto per questo l’ultimo giorno di scuola dell’anno scorso io non ho pianto perché avrei rivisto i miei amici dopo tre mesi ma ho pianto perché nonostante tutte le volte che ci siamo visti, tutte le volte che ci siamo sorrisi, tutte le figure che ho fatto, io non l’avrei rivisto mai più…

“Io sto bene. Solo…non sono felice.”ultima modifica: 2014-09-20T14:41:54+02:00da mymarika191
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento